News

IFA Berlino: Mobvoi presente con TicWatch Pro 4G/LTE e molto altro

Come è ormai tradizione da quasi cento anni, anche quest’anno si sta tenendo una delle fiere di elettronica di consumo e elettrodomestici più grande al mondo, stiamo parlando dell’IFA Berlino 2019. Questa fiera offre agli espositori l’opportunità di presentare al pubblico i loro ultimi prodotti e sviluppi, così da far conoscere il proprio marchio a quanta più gente possibile.

Bene, nonostante Mobvoi non ne abbia minimamente bisogno, la compagnia cinese dedita alla creazione di smartwatch e sistemi ad intelligenza artificiale ha deciso di partecipare all’evento in grande stile.

IFA Berlino: Mobvoi presente con TicWatch Pro 4G/LTE e molto altro

IFA Berlino 2019 Mobvoi

Mobvoi si è infatti procurata un’area di esposizione abbastanza rilevante all’interno della quale mostrare i progressi raggiunti nell’ultimo anno. Il brand ha quindi portato quasi l’intero arsenale partendo proprio dalla punta di diamante, il TicWatch Pro 4G/LTE presentato qualche settimana fa. Parliamo dello smartwatch con a bordo Wear OS di Google e che, oltre alla connettività 4G, porta con se due giorni di autonomia, un design premium, modulo NFC per poter effettuare pagamenti elettronici o altro e impermeabilità IP68.

IFA Berlino 2019 Mobvoi

Il TicWatch Pro 4G/LTE è poi accompagnato dai più economici TicWatch S2 ed E2, oltre che allo smartwatch dedicato ai più piccoli: il TicWatch Kids.

Inoltre, non potevano mancare le bellissime TicPods Free, ovvero le cuffie completamente indipendenti e di altissima qualità.

Ma come dicevamo precedentemente, il brand cinese non si ferma soltanto alla produzione di wearable premium e alla moda, bensì ha nel proprio background una storia abbastanza lunga nella creazione di algoritmi ad intelligenza artificiale.

IFA Berlino 2019 Mobvoi

Come possiamo vedere nella foto a seguire, Mobvoi ha esibito anche questa parte di sé con due dimostrazioni sull’AI Technology. Nello specifico troviamo quella sul sistema TicMotion, ovvero la suite di algoritmi proprietari che riescono a rilevare movimenti, come passi o bracciate, per poi avere un resoconto di tutte le attività svolte. Mentre con TicHear, Mobvoi ha creato una tecnologia DSP (Digital Signal Processing) che permette allo smartwatch di rilevare le “wake word” ovvero le parole utilizzate per svegliare l’assistente (ad esempio: Ok, Google) e di riconoscere la voce con precisione maggiore.

In ogni caso, se qualcuno di voi si trovasse a visitare l’IFA di Berlino, andate a vedere lo stand di Mobvoi per provare con mano tutti gli ultimi prodotti.

RIMANI INFORMATO SU TUTTO IL MONDO MOBVOI

Non preoccuparti, non SPAMMIAMO! :-)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Login/Register access is temporary disabled