News

TicWatch Pro 4G messo a nudo dal teardown di JerryRigEverything

Mobovoi la conosciamo benissimo per le soluzioni indossabili dotate di sistema operativo WearOS, messo a disposizione per tutti gli utenti a prezzi accessibili senza rinunce a livello qualitativo. Tra i prodotti più apprezzati e particolari del brand asiatico troviamo il TicWatch Pro 4G che introduce una vera rivoluzione nel campo degli smartwatch WearOS, che in genere peccano dal lato autonomia, ingengnerizzando un doppio display, che all’occorrenza permette di switchare da un display a colori ad uno monocromatico LCD, emulando i vecchi orologi digitali (stile Casio). Questa soluzione ci permette di risparmiare molti mAh di batteria, una soluzione davevro geniale che ha catturato l’attenzione di JerryRigEverything, il quale ci mostra cosa si nasconde a livello hardware su questo TicWatch Pro 4G.

ticwatch pro 4g

TicWatch Pro 4G messo a nudo dal teardown di JerryRigEverything

Si parte proprio dalla batteria, un’unità da 415 mAh, valore piuttosto similare a quanto offerto dalla concorrenza, ma come abbiamo detto prima, quello che migliora l’autonomia è il display, una soluziona a doppio strato, che permette con uso misto di arrivare a 2 giorni di utilizzo, di certo non una durata da record ma senz’altro migliore di tutte le altre soluzioni WearOS in commercio, ma proprio la possibilità di passaread un display monocromatico fanno si che l’autonomia salga a ben 30 giorni.  Infatti quando si utilizza il display a colori, viene sfruttata la tecnologia AMOLED mentre con la visione monocromatica entra in gioco uno strato FSTN. Altra particolarità a favore dell’orologio smart di Mobvoi, è lìimpiego di un vetro antigraffio a protezione dei due display, molto resistente nonostante le sollecitazioni del taglierino di JerryRigEverything.

Lo youtuber per mostrarci la tecnologia impiegata su TicWatch Pro 4G ha dovuto letteralmente distruggere la scocca dell’orologio, portando anche alla distruzione del pannello AMOLED, mostrandoci solo lo strato FSTN che in realtà è poco visibile visto che la sigla FSTN sta per l’acronimo Film Super Twisted Nematic, quindi a conti fatti ci troviamo al cospetto di uno schermo quasi trasparente, anche perché altrimenti non sarebbe possibile vedere quello AMOLED posto al di sotto. Potremmo definirlo come una sorta di Always On Display fisico, che attiva solo i pixel il bianco e nero per un basso consumo energetico. Decisamente interessante e che non vediamo l’ora di vederla impiegata anche su altri smartwatch.

RIMANI INFORMATO SU TUTTO IL MONDO MOBVOI

Non preoccuparti, non SPAMMIAMO! :-)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Login/Register access is temporary disabled